Quando la disciplina agonistica sfocia nell’allegria

Domenica 30 Maggio a Moscazzano si è svolta una gara di discdog organizzata da Diego Marchetti (disconnected dog) in collaborazione col club cinofilo Le Nuvole Rosse di Pandino. Numerosi sono stati i partecipanti e provenienti da diverse zone d’Italia. L’evento ha visto anche la partecipazione di personaggi di grande caratura della disciplina, uno fra tutti Matteo Gaddoni. L’agonismo non è certo mancato e tutti i partecipanti erano lì per dare il meglio di se stessi. Scrivo questa nota per sottolineare alcune cose che a mio modesto parere hanno il bisogno di essere evidenziate. Prima fra tutti l’organizzazione: impeccabile! Perfetta la “location” per dirla all’inglese, perfetto il campo di gara e la gestione dei tempi per le diverse discipline.
Ciò che però non è passato inosservato ed ha reso la giornata speciale per tutti è stato lo spirito che si è vissuto durante tutta la giornata. Felicità allo stato puro, sia nelle persone che nei cani. Tutti si sono divertiti anche l’ultimo che si è classificato, che non ricordo, semplicemente perchè non era poi così importante il risultato finale. Non si è verificato nessun incidente e nessun tipo di comportamento scorretto nei confronti dei cani. Le mie considerazioni nascono da una mentalità sostanzialmente di educatore e poco portato, sia per spirito che per necessità (dalle nostre parti pochi sono i cani che arrivano a fare certe cose), all’agonismo puro. Ma domenica tutto è stato perfetto, non una virgola fuori posto, e queste sono le competizioni che vogliamo. Sono assolutamente convinto, e nessuno riuscirà a farmi cambiare idea, che giornate così fanno bene alle persone, ai nostri cani, alla cinofilia in generale. Come centro cinofilo eravamo presenti con due cani, e come semplice proprietario di cani ho portato tutti e tre i miei cani tra cui una cucciolina di poco più di 2 mesi, convinto che una giornata così potesse farle solo bene. Ed ho avuto ragione, non c’è stato mai un momento di pericolo e per tutto il giorno la piccola ha conosciuto persone, cani, rumori, musiche e cose strane piatte che volavano………… tra l’altro molto interessanti! Questo è lo spirito che ci vuole, e finchè sarà questo allora ben vengano le gare e l’agonismo e tutto ciò che comporta. Per arrivare a certi livelli occorrono ore di preparazione, allenamento e “addestramento”, parola che ultimamente fa venire la pelle d’oca a qualcuno, forse perchè si riempe la testa di idee strampalate o forse semplicemente perchè non è in grado di fare! Ho visto cani felici…… davvero! La relazione si costruisce anche su questo non solo sulle paranoie mentali che ci facciamo su come, quando, quanto, perchè, e dove interagire col cane. Le obiezioni possono essere tante, ci mancherebbe, ognuno la pensa come vuole, ma preferisco mille volte questo che vedere cuccioli di pochi mesi costretti a sentire qualcuno che chiacchiera e non poter giocare tra di loro oppure rincorrere una pallina!
Ragazzi, continuate cosi!
Giorgio Guglielminotti Garmot


tweet it post it mail it Share It Plus It Print It
authorname

Positively Expert: Guglielminotti Garmot